Bellinzona booked net
+C
Italiano
Deutsch
Français
English

Sguardi iraniani

Un'esposizione curata da Gianluca Grossi

 

Il nostro sguardo sul mondo è uno strumento di conoscenza. È una dichiarazione di libertà e di indipendenza che ci rende individualmente capaci di sottrarci alle versioni ufficiali della realtà, da qualsiasi fonte esse provengano. Questo sguardo va allenato, sperimentato, esposto al confronto con altri sguardi. SpazioReale lo coltiva dal 2012, anno della sua apertura, con l'obiettivo di essere un punto di osservazione dal quale partire per un attraversamento originale della realtà e dei grandi temi che scandiscono la nostra epoca. Le sale dell'Antico Convento delle Agostiniane sono la casa del fotogiornalismo nella Svizzera italiana: qui sono entrate realtà lontane e locali, guerre e tensioni sociali, la resistenza dei civili sotto le bombe, il sacrificio di chi ha lasciato la vita per raccontare il mondo, le storie di perfetti sconosciuti improvvisamente diventate racconti familiari, la cronaca che si fa Storia, le storie degli altri che sono le nostre storie, la vita degli altri che è la nostra.

 

Sguardi iraniani è una nuova tappa nel cammino di SpazioReale. Questa esposizione apre una finestra sull'Iran, un paese al centro dell'attualità internazionale, ma di cui conosciamo poco. Come sempre in questi casi, il rischio è di accontentarsi di un'idea limitata e quindi imprecisa, quando non addirittura sbagliata, di una realtà complessa e vasta.

 

L'esposizione ospita gli scatti di Kiana Hayeri, Tahmineh Monzavi e Nazanin Tabatabaee Yazdi. La scelta di affidare a tre giovani donne fotografe nate e residenti in Iran il compito di proporre al pubblico il loro modo di osservare, di fotografare e in definitiva di leggere la realtà nella quale vivono scaturisce dal desiderio di andare oltre la conoscenza superficiale di un Paese ricco di sorprese e contraddizioni.

 

L'esposizione è articolata in tre sale: Kiara Hayeri espone la sua Resilienza: una trilogia sulla gioventù, l'identità e la guerra, con scatti realizzati in Iran, Afghanistan e Germania. Tahmineh Monzavi espone la serie Bambole, Grape Garden Alley e Tina (interamente realizzata in Iran). Nazanin Tabatabaee Yazdi è presente con il lavoro portato avanti in Iran e intitolato Superare la solitudine con gli animali.

 

Con La fotografia a teatro, il fotogiornalismo torna al Sociale di Bellinzona con una serata evento prevista per il 18 aprile 2018 alle 20.45. Ospiti sul palco, insieme a Gianluca Grossi e al musicista Danilo Boggini, saranno le fotografe iraniane e i loro scatti proiettati sul grande schermo. Entrata libera. 

 

 

 

Ente Autonomo Carasc

Casella postale 9
CH - 6513 Monte Carasso
T. +41 91 821 15 60

Infopoint Monte Carasso

El Cunvent 3
CH - 6513 Monte Carasso
+41 91 835 57 24

Apertura

Agosto

lunedì-venerdì 09.00-16.00

sabato e domenica 09.00-13.00

© 2018 Ente Autonomo Carasc — Tutti i diritti riservati

 

Aggiornamento pagina: 06.04.2018

Credits — Stampa